.facebook_1539259809755.jpg1086517814.jpg

E’ una della case di Babbo Natale più suggestive in cui siamo mai stati, la splendida Rocca Aldobrandesca nel paese di Piancastagnaio sulle pendici dell’Amiata, ci ha regalato un pomeriggio carico di magia. Grazie al lavoro di un gruppo volontari, questa location si trasforma nell’affascinante dimora di Santa Claus. Con la VI edizione di “Favoliamo verso il Natale” le storie dei bambini di Piancastagnaio divengono percorsi fiabeschi, raccontati da giovani elfi a spasso per le vie del borgo. 

Il nostro nostro soggiorno chiancianese dello scorso anno ci ha regalato un po’ di neve, questo ha reso più magica la nostra visita a Piancastagnaio, un dei borghi amiatini che non avevo mai avuto modo di vistare. Un’amica che abita in zona ci aveva parlato benissimo della Rocca di Babbo Natale e, visto che quella mattina il sole aveva fatto capolino, abbiamo deciso che era il giorno giusto per avventurarsi sull’Amiata. Neve non ne era caduta moltissima, ma giusta, giusta per guidare in sicurezza e godersi un panorama tutto imbiancato sulla Val d’Orcia.

Da tre anni il borgo si accende di luci, colori e mercatini nel periodo di Natale e se siete in zona per visitare il Castello di Babbo Natale a Montepulciano (vedi il posto dedicato), non perdetevi  la VI edizione di “Favolando verso il Natale” . Una manifestazione  nata dal lavoro di un gruppo di volontari del Centro Commerciale Naturale “Le Fonti” che con una “joint venture” scolastica, porta nei vicoli e nel giardino pubblico del paese la fantasia tradotta in fiabe dei  bambini del borgo.

20171229_144638
Piancastagnaio

Come arrivare

Per arrivare si attraversa la Val d’Orcia, inforcando la Cassia in direzione Amiata. Seguite le indicazioni per Abbadia San Salvatore e poi per Piancastagnaio, potrete parcheggiare dove ci sono i giardini pubblici, pochi passi più avanti vi ritroverete la porta di entrata al borgo con l’imponente Rocca Aldobrandesca risalente al 1100. Siete giunti a destinazione, pronti a salire il bellissimo mastio e immergervi nelle più belle atmosfere natalizie.

La Rocca Aldobrandesca

20171229_171101

E’ già di per sè uno spettacolo, appena scende il buio si colora di blu, di rosso e di mille lucine che sembrano neve fresca. Se non fa troppo freddo vicino alla porta del paese ci sono dei giardini pubblici che con disegni e cartelloni che ritraggono le fiabe preferite; i vostri pargoli possono concedersi un po’ di gioco con una bellissima vista sulle valli circostanti. La sensazione che si riceve è genuina, non consumistica, hai davvero l’impressione che tutto il paese, bimbi compresi, abbia contribuito a creare l’atmosfera fiabesca che si respira. Il percorso si compone di due parti:

  • visita il mastio alla scoperta degli ambienti in cui dimora Babbo Natale, il presepio  e  laboratori.
  • Visita con gli elfi attraverso vicoli e cantine dove sono “illustrate” le fiabe inventate dai bambini di Piancastagnaio.

Noi ci siamo presentati all’apertura alle 15:00 per godere con calma di tutta la visita che dura almeno 2 ore. Abbiamo optato per il periodo tra Natale e Capodanno evitando i periodi maggiore affluenza. Abbiamo comunque trovato un nutrito gruppo di visitatori pronti a esplorare la Rocca Aldorandesca.

Il mastio è aperto dall’8 dicembre al 6 gennaio, nei festivi, e nei week end.

L’edizione di quest’anno prevede una novità: sarà allestito ai piedi della Rocca Aldobrandesca una casetta di legno dedicata ai laboratori ludici per piccoli ospiti. Il costo dell’ingresso alla Rocca sarà davvero economico rispetto alla media,  appena 3 euro a persona, mentre i laboratori, per chi vorrà farli, avranno un biglietto di 2 Euro.

L’intero RICAVATO andrà in beneficenza ad alcune associazioni di zona…per cui oltre a divertirsi si fa un’opera di bene!

20171229_160410

All’interno del mastio si entra a gruppi guidati degli Elfi, attraverso una scalinata si accede a ogni piano della casa di Babbo natale; tra muri di pietra e soffitti a cassettone, si alternano ambienti suggestivi, non improvvisati, curati nei minimi particolari: visiterete il sontuoso salotto con l’antico camino e la cucina in legno che sembra arrivata direttamente dalla Lapponia (altro che Ikea!) con la sua tavola imbandita e colorata.

favoliamo2017-201-768x512
Sala del trono di babbo Natale

Rampa dopo rampa, si sale sempre più in altro scoprendo una stanza dopo l’altra: troverete lo studio e la camera del canuto vegliardo. Si sale ancora fino a una stanza piena di giochi che fa da anticamera al fatidico incontro col boss delle slitte. Un Babbo Natale molto simpatico e affabile che con l’aiuto delle sue elfe parla coi bimbi, uno a uno, regalando loro un lecca-renna! Sembra quasi impossibile che tutto ciò che si trova esposto con un tale gusto sia frutto di donazioni e minuziose ricerche nelle vecchie cantine!

20171229_035348

 

Nella parte sottostante il mastio si trovano l’ufficio postale dove scrivere la letterina, il grande presepio e infine il laboratorio, che ci è piaciuto moltissimo. Con pasta di zucchero i bambini hanno realizzato un omino di neve per decorare un plum cake con cui fare merenda!

“Favoliamo verso il Natale” prosegue nelle viuzze e nelle cantine del borgo amiatino accompagnati dall’elfo che ci racconta le fiabe create dall’immaginazione dei bimbi di Piancastagnaio.

20171229_170842 - Copia

ORARI FAVOLIAMO VERSO IL NATALE 

Sarà aperto da Sabato 8 dicembre 2018 ore 15-19, fino ala 6 gennaio, nei week end, con un programma ricco di venti e laboratori.

Per tutte le info e il programma consultare il sito www.favoliamoversoilnatale.it

Se avete tempo nella vicina Abbadia San salvatore esiste uno bellissimo PARCO MUSEO MINERARIO, un percorso museale con una interessante sezione multimediale e una visita con trenino all’interno dei tunnel. Un viaggio nella storia di questo borgo che è stato per decenni uno dei principali centri estrazione del mercurio. Per info www.parcoamiata.com

#MiriamFocili

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...